La coltelleria ed il tagliere – The cutlery set and the cutting board

dadasdollhouse_3940

In questo nuovo progetto riprendiamo un tema a noi molto caro, il riciclo. La nostra coltelleria è infatti completamente realizzata con materiale di recupero. In rete esistono già diverse spiegazioni per creare coltelli in miniatura. La nostra versione offre un’ulteriore variante.

In this new project, we carry on a theme very dear to us, recycling. In fact our cutlery is completely made of recycled materials. On the net there are already several explanations to create miniature knives. Our version offers an additional alternative.

dadasdollhouse_3900Le nostre lame sono d’alluminio e le abbiamo ricavate da un coperchio di una lattina e dal seghetto di metallo che si trova su certe scatole delle pellicole da cucina.

Abbiamo scelto questo metallo perché ha un colore simile all’acciaio ed è facilmente lavorabile. Lo si può infatti tagliare con una semplice forbice.

L’alluminio un metallo morbido, bisogna quindi avere qualche attenzione quando lo si lavora. La superficie è molto delicata e si graffia facilmente. Bisogna anche evitare di deformare il metallo, perché è pressoché impossibile raddrizzarlo senza lasciare segni.

Our blades are made of aluminum. We used lid of a tin can and from the serrated edge that is on the box of the the plastic wrap and which is used to cut the kitchen film.

We chose this metal because the color is similar to steel. It is malleable and can be cut it with a pair of scissors.

Aluminum is a soft metal and it has a very delicate surface that can be easily scratched. One should avoid deforming the metal, because it is almost impossible to straighten it without leaving marks.

dadasdollhouse_3902

I manici dei nostri coltelli sono stati ricavati da pezzetti di legno multistrato prefustellato avanzati dai kit Del Prado. Il nostro motto è infatti: “Non si butta nulla! Prima o poi servirà…”

The handles of our knives are made ​​of wood leftovers from the pre-cut plywood of the Del Prado kit. Our motto is: “Don’t throw anything away! Sooner or later it will come in handy…”

The Graphics Fairy – old cook’s knife

Il coltello è uno dei primi utensili progettati dall’uomo e la sua invenzione risale all’epoca della pietra. Era utilizzato per tagliare e come arma. Le prime lame erano di selce o di ossidiana. In seguito esse furono sostituite dal rame, dal bronzo, dal ferro ed infine dall’acciaio.

La forma non è cambiata molto nel tempo e consiste in una lama affilata fissata ad un manico. Prima dell’avvento della plastica esso era realizzato in corno, osso o legno. Questi materiali, oltre ad essere leggeri, sono anche antiscivolo ed evitano che il coltello sfugga inavvertitamente di mano.

I primi coltelli da cucina avevano la lama liscia. Essi tendono a perdere l’affilatura nel tempo, ma possono essere facilmente riaffilati. La lama liscia consente un taglio preciso. Si usa per tagliare, affettare e tritare qualsiasi alimento.

La lama a seghetto è nata alla fine dell’800. Perde meno facilmente l’affilatura, ma per la molatura serve una strumentazione specifica. In cucina si utilizza per tagliare cibi che abbiano l’esterno duro e l’interno morbido, come il pane o il pomodoro.

The knife is one of the first humankind’s tools. It dates back to the Stone Age and it was used to cut and as a weapon. At the beginning blades were made ​​of flint or obsidian. Later they were replaced by copper, bronze, iron and finally steel.

The shape hasn’t changed much over time. It consists of a sharp blade and a handle. In the past ​​this was made of horn, bone or wood. Today it is principally made of plastic. These materials must provide a good grip and shouldn’t weight too much.

The first kitchen knives had a smooth blade. Straight edge blades tend to lose sharpness in the course of time, but can be easily sharpened. The smooth blade allows a precise cut and it is used for slicing and chopping any kind of food .

The serrated blade appeared in the nineteenth century. Cuts are less smooth and precise. The blade stays sharp longer, but it is more difficult to sharpen. In the kitchen it is used to cut food that has a hard outside and a soft inside, such as bread or tomatoes.

dadasdollhouse_3908

Il nostro coltello a lama liscia nasce dal coperchio a strappo di un barattolo di mais. Abbiamo scelto una lattina piccola, così la curvatura del bordo è più accentuata.

Ci piace molto l’effetto del bordo a rilievo, che da l’illusione ottica che la lama abbia diversi spessori e sia quindi molto affilata. Inoltre sfruttando la rotondità del bordo si ottiene una lama perfettamente arrotondata, senza doverla ritagliare.

For our smooth knife we used the lid of a corn can with clipping path. We chose a small can, so the edge is more curved.

We really like the effect of the relief on the border, because it gives the optical illusion that the blade has an increasing thicknesses and that it has a very sharp edge. Furthermore, we used the smooth rounded edge of the can lid as the cutting part of the knife. So we had not to cut curved shapes and we got a perfectly rounded blade.

dadasdollhouse_3909

Abbiamo eliminato un rettangolo per creare il codolo – la parte di metallo che penetra nel manico. Nelle prossime due foto si comprende meglio quale forma debba avere la parte di metallo.

We cut out a rectangle to create the tang – the metal part that extends into the handle. The next two photos show the form that the metal part should have.

dadasdollhouse_3910

Per il manico, abbiamo tagliato un pezzetto di legno ed abbiamo smussato ed arrotondato il fondo.

For the handle, we cut a piece of wood and we rounded the butt.

dadasdollhouse_3903

La lama del coltello del pane è ricavata dal seghetto che si trova sulla confezione della pellicola trasparente da cucina. Per staccare il seghetto dal cartone è meglio non strapparlo, perché il metallo si deformerebbe. Consiglio quindi di tagliarlo a piccoli pezzi mentre è ancora fissato alla scatola e staccarlo poi con delicatezza.

La nostra strisciolina seghettata presenta numerosi fori. La distanza tra i fori determinerà la lunghezza della lama. I nostri fori sono molto ravvicinati, così quando abbiamo tagliato il pezzetto dal quale ricavare la lama, abbiamo dovuto far capitare il foro in prossimità del codolo, così da poterlo nascondere sotto il legno del manico.

Ad una estremità abbiamo ritagliato il codolo. L’altra l’abbiamo arrotondata, ottenendo una punta detta alla francese.

For the blade of the bread knife we used the metal serrated edge that is on the box that contains the rolls of aluminum foil, wax paper or cling wrap. To detach the metal part, it is better not to tear it, otherwise it will warp. It is preferable to cut it into small pieces while it is still attached to the box. Afterwards it will be easier to separate it from the cardboard.

Our serrated strip has several holes. The distance between the holes will determine the length of the blade. Ours are very close together. When we cut the piece for the blade, we had to let the hole end up near the tang so that the wood of the handle could hide it.

We created a tang at one end and we rounded the point of the blade at the other.

dadasdollhouse_3904

Nel manico di legno abbiamo praticato con il cutter una fenditura nella quale alloggiare  il codolo. Il taglio deve essere fatto con attenzione, perché il legno multistrato si spacca facilmente. Nei nostri coltelli il codolo entra solo fino a metà del manico.

Esistono coltelli il cui codolo è lungo tanto quanto il manico. In questo caso il manico è diviso in due scaglie attaccate ai due lati del codolo.

We have made a cut in the wooden handle, where we want to insert the tang. The plywood breaks easily, so we had to precede carefully. The tang of our knives gets into the handle only partially.

Other knives have a tang that is as long as the handle. In this case the handle is made of two scales which are attached to either side of the tang.

dadasdollhouse_3907

Infine abbiamo inserito il codolo nel manico e l’abbiamo fissato con della colla. Il coltello è così pronto.

Se si desidera si possono aggiungere tre puntini per simulare i chiodini metallici che uniscono le scaglie al codolo.

Finally we fixed the tang in the handle with some glue. The knife is now ready.

If you wish you can add three dots to simulate the metal pins that hold the scales to the tang.

dadasdollhouse_3949

Naturalmente per poter tagliare, serve anche un tagliere. Il nostro è stato ricavato da uno stecco di gelato, tipo Magnum, che ha infatti le estremità più grandi e sagomate di un bastoncino normale. Noi abbiamo utilizzato quello del gelato “Maxistecco Esselunga”, perché non ci sono loghi impressi sul legno.

With the kitchen knives we need also a cutting board. We made ours ​​from an ice cream stick. We used that one of the Magnum ice cream, because it has larger ends than a normal stick. More precisely we chose the ice cream “Maxistecco Esselunga,” because there are no logos printed on the wood.

dadasdollhouse_3659

Abbiamo diviso in due lo stecco. Su un lato abbiamo tracciato a matita la forma del manico, mentre sull’atro lato abbiamo tenuto la forma originale del bastoncino. Quindi abbiamo tagliato e sagomato il legno.

Infine abbiamo praticato un foro nel manico con una piccola punta del trapano a mano, così l’asse può essere appesa alla parete della cucina, quando non è utilizzata.

We divided the stick in two parts.  We  kept the original shape of the stick on one side. On the other side we drew the handle, shaped and cut it.

Finally, we drilled a hole in the handle with a small hand drill. Now the cutting board can be hang on the kitchen wall when not in use.

dadasdollhouse_3662Con la carta vetrata abbiamo ripulito i bordi ed il tagliere è pronto per essere utilizzato in cucina.

With the sandpaper we cleaned the edges and the chopping board is now ready to be used in the kitchen.

dadasdollhouse_collage_mezzaluna

Utilizzando la parte del bordo curvo del coperchio della lattina d’alluminio abbiamo realizzato anche una mezzaluna. I pomelli dell’impugnatura sono stati ricavati da due stuzzicadenti con la testina lavorata.

Using the curved edge of the lid of the tin can we made also a mezzaluna. The two handles  are made from two toothpicks with carved heads.

dadasdollhouse_collage_2

Il nostro set di coltelli è completo e comprende il classico coltello da chef, il coltello del pane,  uno spelucchino, simile al coltello da cucina, ma più piccolo, un secondo coltellino a seghetto, più corto ed appuntito, ed un mannarino, con la lama larga e squadrata per tagliare pezzi di carne con osso.

Se volete vedere altri coltelli in miniatura, qui di seguito trovate una raccolta di link e diversi tutorial.

Our set of knives is complete and includes the classic chef’s knife, a bread knife, a paring knife (it is similar to the chef’s knife, but smaller), a steak knife (it has a short and sharp, serrated blade), and a cleaver, with its wide squared blade it is used for hacking through bones.

If you want to see other knives in miniature, here below you can find a collection of links and several tutorials.

Art some craft – coltellino fatto con un fermacampione ed un pezzetto di legno di balsa / small knife made with a silver brad and a piece of balsa wood

Dno livejournal – un vero coltello in miniatura d’acciaio inossidabile / a real knife in miniature with a stainless steel blade

Les mains calmes – coltello da bistecca fatto da una lattina di una bibita ed una bacchetta di legno lavorata / steak knife made from a soda can and a carved wooden strip

Magsim17 – coltello del pane e coltellino con seghetto fatti con un vecchio taglia pomodori / bread knife made from an old tomato cutter

MaliMin Mis Miniaturas – coltelli vari fatti con una lattina di una bibita e da uno stecchino per spiedini / several knives made from soda can and skewer sticks

Nuts’ n’bits – vero coltello da cucina e spelucchino in miniatura con lama d’acciaio / real chef’s knife and paring knife in miniature with steel blade

Perhe Malmströmin – coltello da cucina fatto con uno stuzzicadenti di plastica / kitchen knife made from plastic toothpick

Sugar Charm Shop – Craft – coltelli vari fatti con lattine e legno di fiammiferi / various knives made from tin cans and wooden matches

Coltelleria Lorenzi – foto di Repubblica.it

In questi giorni ha chiuso una bottega storica milanese, la Coltelleria Lorenzi. La famiglia, di origini trentine, aveva aperto nel 1929 in uno scantinato in Via Montenapoleone un laboratorio di affilatura di lame. Nel tempo avevano ampliato l’attività affiancando la vendita di coltelli, forbici e rasoi ed in seguito pipe ed accessori da fumo. La costante ricerca di materiali pregiati e lavorazioni artigianali d’altro livello ne fecero un punto vendita molto particolare dove acquistare  “pezzi unici”.

Con la chiusura di Lorenzi non scompare solo un altro pezzo di storia della mia città, ma si assiste all’appiattimento dell’offerta commerciale. Le vie di Milano assomigliano ora sempre più alle strade di altre città nel mondo, con negozi e prodotti tutti uguali. Purtroppo la perdita di piccoli oggetti fatti a mano per il lusso privato porteranno anche  all’impoverimento di certi riti personali.

Della passione dei Lorenzi rimane un’importante collezione di rasoi e strumenti inerenti alla rasatura provenienti da tutto il mondo, che oggi conta oltre 3700 pezzi ed una raccolta di coltelli costituita da 2000 pezzi che comprende esemplari risalenti al 700. Speriamo che trovino un luogo ove possano essere messi in mostra e tenere vivo almeno il ricordo di un mondo fatto di artigianalità.

Se desiderate leggere la storia di Lorenzi potete visitare il loro sito. Mentre potete vedere alcune foto di questa storica coltelleria su Repubblica.it e qui.

These days the historic shop, Coltelleria Lorenzi, closed. In 1929 the founder, whose family comes from Trentino, opened in a basement in Via Montenapoleone in Milan a small shop where grinding was the only activity. Later it expanded to the sale of knives, scissors and razors and then pipes and smoking accessories. The constant research for quality materials and high level craftsmanship made ​​it a very special place where to buy “unique pieces”.

Lorenzi’s closure is is not just another piece of history of my town that disappears, but it is also the flattening of the commercial offer. The streets of Milan now resemble more and more to the streets of other cities in the world, where all the shops and products look the same. Unfortunately, the loss of small handmade items for the private luxury will also lead to the impoverishment of certain personal rituals.

Giovanni Lorenzi, founder of the cutler’s shop, leaves a collection of more than 3700 razors and shaving tools from all over the world and 2000 knives including examples dating back to 700. We hope that these pieces will soon find a place where they can be  displayed and at least keep alive the memory of a world of craftsmanship.

You can read more about Lorenzi’s story here. While on Repubblica.it and here there are other photos of this historic cutlery shop.

OakBranchOrnaments-GraphicsFairy1

Informazioni su dadasdollhouse

Le case delle bambole mi hanno sempre affascinata. A 5 anni disegnavo planimetrie e trasformavo le librerie in palazzi, utilizzando i libri come pareti divisorie. Forse per questo più tardi mi sono iscritta ad architettura... La mia grande passione è il punto croce, ma mi diverto anche con il bricolage ed il cartonaggio. Una certa abilità l’ho acquisita con l’esperienza, ma tante astuzie le ho imparate in internet. Ma la cosa più importante è poter condividere le mie passioni con mia figlia Dada!
Questa voce è stata pubblicata in Accessori, Zubehör, Accessoires, DIY - Tutorial, Link, Siti Preferiti, Lieblings-Websites, Sites Préférés, Favorite Sites e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a La coltelleria ed il tagliere – The cutlery set and the cutting board

  1. fabiola ha detto:

    Bellissimi pezzi. E grazie delle istruzioni.
    Ciao, Faby

  2. Tutorial fantastico….ottimi consigli!
    Che peccato per la coltelleria di Milano….di questi tempi purtroppo ci sono molti negozi storici che chiudono (anche a Torino)!
    grazie
    Angelina

    • dadasdollhouse ha detto:

      Grazie Angelina!
      Hai ragione, è proprio un peccato! L’Italia è famosa nel mondo anche per il suo artigianato d’alta qualità. Se chiudono i negozi che valorizzano questa eccellenza, finirà che perderemo anche la nostra capacità manuale e creatività😦

  3. elizabeth s ha detto:

    Hello Ersilia! This is such a useful tutorial and the finished pieces are very good! I love the way that you made the cutting board; it is the perfect size and shape. The knives are so well done and the chopper made with the fancy ends of toothpicks is just soooo clever! 😀
    Thanks also for providing the additional tutorial links and I will try to take a look at them all. Beautiful!

    • dadasdollhouse ha detto:

      Thank you Elisabeth for your kind comment. I’m glad you liked our cutlery😉
      I read on your blog that you are buried by snow… In Milan we will soon have to change our cars with boats! Since September it’s raining. We have a couple sunny days and then weeks of pouring water. I’s not really cold, but my spirit it’s suffering 😦

Un Tuo commento ci fa piacere!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...