Maison Auber by Andrea Arrigoni

camera da letto, secondo piano – bedroom, third floor

A Febbraio ho vistato Miniaturitalia, l’unica fiera di miniature che si svolga in Italia. Mi sono molto divertita a curiosare tra le magnifiche miniature in vendita ed ad incontrare tanti amici con i quali condivido questa passione.

Quest’anno al concorso, che si tiene in concomitanza della fiera, ha partecipato una magnifica casa intera che ha suscitato tanto entusiasmo e curiosità, maison Auber, realizzata da Andrea Arrigoni.

In February I visited Miniaturitalia, the only miniature fair that takes place in Italy. I really enjoyed browsing the magnificent miniatures for sale and met many friends with whom I share this passion.

During the fair a contest takes place. This year an amazing mansion, maison Auber created by Andrea Arrigoni, aroused enthusiasm and curiosity.

Andrea e la sua maison Auber – Andrea and his maison Auber – foto di Andrea Arrigoni

Come potete vedere si tratta di un edificio a tre piani, completamente arredato. Ha due aperture, una sul davanti ed una sul fianco a sinistra. La cosa che mi ha colpito è sicuramente la complessità del progetto e la cura nel ricreare così tanti ambienti, uno diverso dall’altro.

Ho pensato quindi di coinvolgere Andrea e di farci raccontare qualcosa dei suoi lavori ed in particolare di questa casa.

As you can see, it’s a three-storey building, fully furnished. It has two openings, one on the front and one on the left side. The thing that struck me is the complexity of the project and the care in recreating so many spaces, one different from the other.

So I thought to get in touch with Andrea and to let him tell us something about his work and in particular about this house.

sala da pranzo, pianterreno – dining room, first floor

Dadasdollhouse: Benvenuto Andrea! Innanzitutto complimenti ancora per questo magnifico Palazzo. E’ da tanto che crei miniature e come hai iniziato?

Andrea: Ti ringrazio. Mi fa davvero piacere che la mia maison Auber sia piaciuta così tanto durante Miniaturitalia.  Sono sempre stato affascinato dalle miniature, fin da ragazzino… mi sono diplomato in scenografia all’accademia di belle arti ma, nonostante la mia grande passione per l’opera, la mia vita lavorativa si è orientata da subito verso la grafica. Credo che il mio amore per le miniature, sia nato nei miei anni di scenografia ma è stato circa 6 anni fa che ho cominciato seriamente a dedicare tempo, energia e…. soldi a questa passione.

Dadasdollhouse: Welcome Andrea! First of all, congratulations again for this magnificent palace. How long have you been making miniatures and how did you start?

Andrea: Thank you. I am really pleased that my maison Auber has been so successful during Miniaturitalia. I’ve always been fascinated by miniatures, since I was a kid… I graduated in scenography at the Academy of Fine Arts but, despite my great passion for the opera, my working life was immediately directed towards graphics. I believe that my love for miniatures, dates back to my years as scenic designer, but is during the last 6 years, that I began seriously to devote time, energy and … money to this passion.

foto di Andrea Arrigoni

Dadasdollhouse: Per realizzare maison Auber come hai proceduto? Immagino che prima tu ti sia documentato e che poi tu abbia realizzato un progetto.

Andrea: Maison Auber è la mia seconda casa. L’anno scorso ho partecipato a Miniaturitalia con una roombox  ispirata alla scena finale di Traviata, ma non si è classificata nei primi 3 posti. Per maison Auber mi sono ispirato allo stile francese, già sperimentato nella roombox, specialmente dopo aver scoperto il fantastico libro di Lea Frisoni (nda Le Grand Livre de la Maison Miniature, edizione francese, o The Big Book of a Miniature House, edizione inglese). La documentazione per me è fondamentale… parte sempre da lì, specialmente per creare ambienti il più realistico possibile.

Dadasdollhouse: How did you proceed to create maison Auber? I guess you first read up and then you did a project.

Andrea: Maison Auber is my second house. Last year I took part in Miniaturitalia’s contest with a roombox based on Traviata’s final scene, but it didn’t reach one of the first 3 places. For maison Auber I got inspired by the French style, I had already experimented in the roombox, especially after discovering the fantastic book by Lea Frisoni (A/N Le Grand Livre de la Maison Miniature, French edition or The Big Book of a Miniature House, English edition). The documentation is fundamental to me … it always starts from there, especially to create the most realistic environments possible.

disimpegno, primo piano – hallway, second floor

Dadasdollhouse: Quali sono i materiali che hai utilizzato per la struttura?

Andrea: La struttura è MDF (nda “pannello di fibra a media densità”), ma rispetto alla mia prima casa, di uno spessore minore e per le pareti interne ho utilizzato dei pannelli in Eulithe® che ho scoperto a Hobby & Model qualche anno fa. Volevo evitare un peso eccessivo rispetto a una casa interamente in MDF di  8 mm di spessore.

Dadasdollhouse: Which materials did you use for the structure?

Andrea: The structure is MDF (N/A Medium-density fibreboard), but compared to my first house, it has a smaller thickness and for the internal walls I used Eulithe® panels that I discovered at Hobby & Model a few years ago. I wanted to avoid excessive weight as if you would build a house entirely in a 8 mm thick MDF.

lastre di Eulithe®

Non conosco l’Eulithe®, ho quindi fatto una piccola ricerca. Si tratta di un materiale sintetico, un espanso costituito da un polimero poliuretanico rigido. Le caratteristiche principali sono l’elevata stabilità dimensionale, la leggerezza, l’impermeabilità all’acqua e la lunga durata. E’ resistente ai prodotti chimici ed ha buone proprietà d’isolamento termico ed acustico.

La superficie è omogenea e compatta. Si lavora facilmente con normali utensili per il legno, creando poca polvere. Non è tossico ed è inodore. Può essere fresato, inciso, scolpito, dipinto, laccato e impiallacciato. Data la sua duttilità, può simulare qualsiasi tipo di materiale con costi contenuti, riducendo il peso del manufatto finito.

Viene impiegato nell’arredamento per rendere più leggeri mobili, componenti d’arredo e strutture architettoniche. Si utilizza come supporto per pietre e laminati per la costruzione di pannelli in marmo alleggerito e per la realizzare di piani di cucine e bagni. Nel campo navale si usa per costruire scafi di barche da diporto. Mentre nella cartellonistica si usa per realizzare insegne pubblicitarie sia per esterno che interno.

Essendo un materiale leggero, rigido, residente ed al tempo stesso facilmente lavorabile manualmente, viene impiegato anche nel modellismo per la creazione di diorami.

Si taglia facilmente con il cutter. Si può facilmente tracciare ed incidere la superficie con una matita od una biro e riprodurre l’aspetto di pietre o mattoni, creando muri di edifici molto realistici. Le colle indicate sono Uhu Por per una presa veloce o Vinavil per un’ascigatura più lenta. Quest’ultima viene utilizzata anche come base per la pittura.

I pannelli di Eulithe® sono disponibili con densità variabili da 80 a 150 kg/m3, ma nel caso di miniature è indicato l’Eulithe® 100. Nei negozi di modellismo è venduto in lastre di 400 x 400 mm in diversi spessori, da 3mm fino a 25 mm.

I don’t know Eulithe®, so I did a quick research. It’s a synthetic rigid polyurethane polymer foam, whose main features are: high dimensional stability, lightness, water resistance and durability. It’s also resistant to chemicals and it has good thermal and acoustic insulation properties.

The surface is homogeneous and compact. It’s easy to work with basic woodworking hand tools and during processing it doesn’t produce dust and is odorless. It can be milled, engraved, sculpted, painted, lacquered and veneered. Thanks to its technical properties, it can simulate any type of material with low costs, reducing the weight of the finished product.

It is used in furniture, furnishing components and architectural structures in order to make them lighter. It can be a support for stones and laminates for the construction of lightened marble panels and as core material in kitchens and bathrooms tops. In shipbuilding it’s used to make leisure boat hulls. While in poster designing it’s used for indoor and outdoor signs.

As it is light, rigid, resistant and at the same time easy to work by hand, it is also used in modeling for making of dioramas.

It can be easily cut with a cutter. You can trace, engrave and sculpt the surface with a pencil or a ballpoint, reproducing stones or bricks for realistic walls. The best glue is Uhu Por for a quick grip or Vinavil for a slow drying. The latter is also used as a basis for painting.

The Eulithe® panels are available in various densities from 80 to 150 kg/m3, but for miniatures Eulithe® 100 is better. In model shops it’s sold in sheets of 400 x 400 mm in different thicknesses, from 3mm up to 25 mm.

studiolo, secondo piano – study, third floor

Dadasdollhouse: Hai realizzato una stanza per volta, partendo dal pianterreno e man mano salendo?

Andrea: Esatto. Sono partito dal piano terra, costruendo in seguito gli altri due piani… completando le stanze, man mano. Forse un metodo non ortodosso, ma è nata così!

Dadasdollhouse: Did you build a room at a time, starting from the first floor and gradually going up?

Andrea: Exactly. I started from the first floor, then building the other two floors … completing the rooms, gradually. Perhaps an unorthodox method, but it was born like that!

ingresso, pianterreno – entrance, first floor

Dadasdollhouse: Entriamo dunque nella tua casa. L’ingresso mi è famigliare…

Andrea: E’ stato il primo ambiente che ho creato. Tutta la casa è partita da lì ed è ovviamente ispirato a quello del libro della Frisoni. Il pavimento è in cartoncino vegetale.

Dadasdollhouse: So let’s go inside your mansion. The entrance looks familiar to me …

Andrea: It was the first space I created. The whole house started from there and is obviously inspired by Frisoni’s book. The floor is in vegetale cardboard.

apertura frontale e laterale sulla sinistra – opening on the front and on the left side

Dadasdollhouse: Mi ha colpito la disposizione delle stanze, che non sono disposte, come nella maggior parte delle case delle bambole, con le scale ed i corridoi al centro ed una stanza su ogni lato. La tua casa ha passaggi sul fondo della casa, alcune stanze sono una dietro all’altra, come la cucina e la dispensa o il bagno e lo studio, e le rampe di scale non sono disposte una sopra l’altra, ma occupano anche spazi laterali. Tutto questo rende la casa molto realistica.

Andrea: Mi fa piacere tu abbia notato questa sostanziale differenza con la maggior parte delle dollhouses. Non amo particolarmente i kit delle marche più famose. Ambienti troppo piccoli, troppo semplificati e di solito troppo bassi, almeno per i miei gusti. Mi piace creare ambienti mossi, in qualche modo il più realistico possibile. Per maison Auber ho avuto l’idea di progettare una casa con più aperture, in modo da avere ambienti laterali, visibili sia da porte frontali che da aperture laterali come bagno e cucina. Inizialmente avevo pensato anche a una apertura sulla destra ma, con la scala tra il primo e secondo piano ho preferito evitare. Mi piace creare profondità negli ambienti e la balconata centrale del primo piano, credo sia la parte più originale di maison Auber.

Dadasdollhouse: I was struck by the arrangement of the rooms, which are not positioned, as in most dollhouses, with stairs and corridors in the middle and a room on each side. Your house has corridors on the back of the house, some rooms are one behind the other, like the kitchen and the pantry or the bathroom and the study, and the flights of stairs are not arranged one above the other, but occupy also lateral spaces. All this makes the house very realistic.

Andrea: I’m glad you noticed this substantial difference with most of the dollhouses. I do not particularly like the kits of the most famous brands. Rooms are too small, too simplified and usually they have too low ceilings, at least for my taste. I like to create spaces,  than aren’t aligned one to the other, to make them look as realistic as possible. For maison Auber I had the idea of designing a house with multiple openings, in order to have rooms also on the sides, visible both from front doors and from side openings like the bathroom and the kitchen. Initially I also thought of an opening on the right side but, with the staircase between the second and third floor, I preferred to leave it. I like to create depth in the rooms and the central balcony of the second floor, I think it’s the most original part of maison Auber.

cucina, pianterreno – kitchen, first floor

Dadasdollhouse: Mi piace molto il pavimento in cotto della cucina.

Andrea: E’ di Sue Cook. Adoro i suoi lavori. Quando progetterò la facciata utilizzerò sicuramente dei suoi  dettagli architettonici.

Dadasdollhouse: I really like the terracotta floor in the kitchen.

Andrea: It’s by Sue Cook. I love her work. When I will design the facade, I will certainly use her architectural details.

bagno, secondo piano – bathroom, third floor

Dadasdollhouse: Ho riconosciuto qualche mobile in kit di Chrysnbon Miniatures. Vedo la ghiacciaia e la sedia in cucina o l’organo in salotto. Sembrano di legno…

Andrea: È un vero peccato che i mobili e gli accessori della Chrysnbon siano relativamente pochi. So che essendo in plastica possono far storcere il naso a qualcuno, ma con un trattamento appropriato possono davvero venire molto bene e sopratutto sono molto economici. Lì consiglio davvero. Il kit del bagno e’ assolutamente il migliore in assoluto. Non mi piacciono per niente quelli in porcellana che trovo sproporzionati e un po’ grossolani.

Dadasdollhouse: I recognized some Chrysnbon Miniatures furniture pieces. I see the icebox and the chair in the kitchen or the organ in the living room. They look like wood …

Andrea: It’s a pity that there are relatively few Chrysnbon furniture and accessories. I know since they are in plastic, they can make someone turn up their noses, but with a proper finishing they can really come out very well and above all, they are very cheap. I really recommend them. The bathroom kit is absolutely the best ever. I don’t like the porcelain ones at all. I find them disproportionate and a little rough.

salotto, piano piano – sitting room, second floor

Dadasdollhouse: Parlando di pareti, vedo che hai utilizzato materiali diversi, modanature, carte da parati, piastrelle… Quanto hai comperato e quanto hai realizzato tu?

AndreaHo comprato quasi tutto… ho creato io la libreria (cartoncino vegetale, modanature, minuteria della Bindels Ornaments e modanature molto sottili) e le scale. Le carte da parati sono quasi tutte acquistate da Les chinoiseries, un negozio in Spagna con prodotti meravigliosi.

Dadasdollhouse: Speaking of walls, I see that you used different materials, moldings, wallpapers, tiles … How much do you buy and how much do you do yourself?

Andrea: I bought almost everything… I made the bookcase (vegetale cardboard, moldings, Bindels Ornaments findings and very thin moldings) and the stairs. The wallpapers are almost all from Les chinoiseries, a shop in Spain with wonderful products.

cucina, pianterreno – kitchen, first floor

Dadasdollhouse: Per creare una casa in miniatura ed i suoi arredi si utilizzano diverse tecniche e si lavorano materiali diversi. Quali sono i lavori che preferisci fare? Ce ne sono altri che detesti?

AndreaLa parte che  preferisco è quella dei dettagli, la progettazione generale, la scelta delle carte da parati… non ho un ambiente che prediligo … ogni stanza ha il suo fascino e le sue piccole problematiche. Cerco sempre di non riempire troppo di mobili e ninnoli. Qualche volta vedo progetti dove sarebbe impossibile muoversi.

Dadasdollhouse: To build a dollhouse and miniature furnishings you usually use different techniques and different materials. What kind of work do you prefer and which one do you dislike?

Andrea: The part that I prefer is the details, the general design, the choice of wallpapers … I do not have a room that I prefer … every room has its charm and its small problems. I always try not to fill them too much with furniture and knick-knack. Sometimes I see projects that are too cluttered and where it would be impossible to move around.

sala da pranzo, pianterreno – dining room, first floor

Dadasdollhouse: Quanto hai impiegato per realizzare maison Auber?

Andrea: La creazione di maison Auber si è, svolta in due tempi diversi. Struttura e piano terra sono state fatte due estati fa. Poi c’è stata una lunga pausa (principalmente per impegni di lavoro). L’80% della casa è stato fatto (lavorandoci davvero intensamente) in 4 mesi.

Dadasdollhouse: How long did it take to build maison Auber?

Andrea: The making of maison Auber took place at two different times. Structure and first floor were made two summers ago. Then there was a long break (mainly due to work commitments). 80% of the house was made (working really intensely) in 4 months.

dispensa, pianterreno – pantry, first floor

Dadasdollhouse: Hai un laboratorio o lavori in casa?

Andrea: Lavoro in casa. 

Dadasdollhouse: Do you have a studio or do you work at home?

Andrea: I work at home.

disimpegno e balconata sul fondo, primo piano – hallway and balcony on the bottom, second floor

Dadasdollhouse: Hai acquistato attrezzature particolari? Qual’è a parer tuo la dotazione essenziale per un miniaturista?

Andrea: Sono tantissimi. Il Dremel direi che è essenziale. 

Dadasdollhouse: Have you purchased any particular tool? What is in your opinion the most essential equipment for a miniaturist?

Andrea: There are so many. I would say that the Dremel is essential.

abbaini – dormer – foto di Andrea Arrigoni

Dadasdollhouse: Se ricordo bene, ora vorresti realizzare la facciata frontale. Ti stai ispirando a qualche edificio in particolare?

Andrea: Non ho ancora iniziato la facciata. Conto di farla in aprile, lavoro permettendo. Una dollhouse che amo molto è quella di Maison française 1/12. La facciata sarà ispirata a quella di questa casa.

Dadasdollhouse: If I remember correctly, now you would like to make the front side. Are you inspired by some particular building?

Andrea: I have not started the facade yet. I’m counting to do it in April, work permitting. A dollhouse that I love a lot is that of Maison française 1/12. The facade will be inspired by that house.

console, primo piano – console, scond floor

Dadasdollhouse: Mi hai raccontato che hai costruito un’altra casa molto grande. Hai qualche foto da farci vedere? E’ stata la tua prima casa?

Andrea: La mia prima casa è in stile vittoriano … un po’ gotica…  non ho ancora pubblicato nulla in quanto forse la esporrò l’anno prossimo a Miniaturitalia. Devo ringraziare Mariangela Gagliardi di Cose di un altro mondo che mi ha aiutato enormemente nella progettazione e nella costruzione di quella casa. Mi ha davvero illuminato con insegnamenti e tecniche preziosissimi.

Dadasdollhouse: You told me that you already made another big house. Do you have any pictures to show us? Was this your first dollhouse?

Andrea: My first house is in Victorian style … a bit gothic … I haven’t yet published anything as maybe I will exhibit it next year at Miniaturitalia. I have to thank Mariangela Gagliardi of Cose di un altro mondo. She helped me enormously in the design and construction of that house. She really enlightened me with very precious teachings and techniques.

foto di Andrea Arrigoni

Dadasdollhouse: Realizzi anche altri tipi di miniature, come roomboxes o oggetti singoli?

AndreaCome dicevo prima ho progettato una roombox l’anno scorso. Mi piacerebbe farne altre ma al momento non ne ho nessuna in cantiere. Vorrei progettare altre librerie con la tecnica che ho utilizzato per quella di maison Auber . 

Dadasdollhouse: Do you also make other types of miniatures, such as roomboxes or single objects?

Andrea: As I said before I designed a roombox last year. I’d like to do other things but at the moment I do not have any in the pipeline. I would like to design other bookcases with the  same technique I used for that in maison Auber.

studiolo, secondo piano – study, third floor

Dadasdollhouse: Hai dei miniaturisti che segui ed ai quali ti ispiri?

Andrea: Ultimamente mi piacciono molto i lavori di Pipi Turner. 

Dadasdollhouse: Are you inspired by other miniaturists?

Andrea: Lately, I’ve been liking Pipi Turner‘s work very much.

lato destro – right side – foto di Andrea Arrigoni

lato sinistro con pannello apribile – left side with panel that can be opened – foto di Andrea Arrigoni

Dadasdollhouse: In Italia la costruzione di case in miniatura non è molto diffusa, anche se ultimamente si stanno appassionando sempre più persone. Uno dei più grossi problemi è reperire il materiale. Tu dove fai acquisti?

AndreaIn Italia ho comprato parecchio materiale da Piccole Tentazioni; in Francia La Maison de Caroline (soprattutto articoli della Créal); in Spagna Les chinoiseries (carte da parati e tessuti): in Inghilterra da Bromley Craft Products ho acquistato le nuove listelle per tegole tetto, (quelle che usato per maison Auber); da Jennifer’s of Walsall (kit Chrysnbon e parquet). A Hong Kong consiglio uol.hk… mobili davvero pazzeschi ma purtroppo non esattamente economici. Una delle cose che mi diverte di più è proprio scoprire negozi che vendono materiali e articoli inusuali.

Dadasdollhouse: In Italy, making miniatures and dollhouses is not as popular as in other counties, although lately the number of enthusiasts is growing. One of the biggest problems for us is finding the materials. Where do you buy miniatures and materials to build the dollhouse?

Andrea: In Italy I bought a lot of the material from Piccole Tentazioni. In France La Maison de Caroline (especially articles of Créal); in Spain Les chinoiseries (wallpaper and fabrics); in England, from Bromley Craft Products, I bought the new roof tile strips, (those used for maison Auber); from Jennifer’s of Walsall (Chrysnbon kit and parquet). In Hong Kong I recommend uol.hk … they have really insane furniture, but unfortunately not exactly cheap. One of the things that amuses me most is just discovering shops that sell unusual materials and products.

zona di passaggio tra primo e secondo piano –  access area to third floor

Dadasdollhouse: So che per ora non hai un sito. Quindi grazie Andrea per averci aperto le porte del tuo mondo in scala 1:12 e per aver dedicato un po’ di tempo alle mie domande.

Andrea: Credo che un mio sito prima o poi arriverà… sarete tra i primi a saperlo. Nel frattempo grazie a voi per L’ interesse che avete mostrato per la mia maison Auber.

Dadasdollhouse: I know that you don’t have a site yet. So thank you Andrea for opening the doors of your world in 1:12 scale and for taking your time to answer my questions.

Andrea: I believe that my sites will come sooner or later… you will be among the first to know. In the meantime, thank you for the interest you have shown for my maison Auber.

parte frontale della casa – front side of the house

ingresso, pianterreno – entrance hall, first floor

Iniziamo quindi un giro virtuale nella maison Auber partendo dall’ingresso. Attraverso la porta sulla destra si accede alla sala da pranzo.

Let’s start a virtual tour in maison Auber maison beginning from the entrance hall. Through the door on the right you enter the dining room.

sala da pranzo, pianterreno – dining room, first floor

sala da pranzo, pianterreno – dining room, first floor – foto di Andrea Arrigoni

Sullo sfondo si vede il corridoio che, passando sul reto della casa, collega la sala da pranzo alla cucina.

In the background you can see the corridor that, passing on the bottom of the house, it connects the dining room to the kitchen.

cucina, pianterreno – kitchen, first floor – foto di Andrea Arrigoni

cucina, pianterreno – kitchen, first floor – foto di Andrea Arrigoni

cucina, pianterreno – kitchen, first floor – foto di Andrea Arrigoni

cucina, pianterreno – kitchen, first floor – foto di Andrea Arrigoni

cucina, pianterreno – kitchen, first floor – foto di Andrea Arrigoni

sedia cucina – kitchen chair – foto di Andrea Arrigoni

ghiacciaia – icebox – foto di Andrea Arrigoni

ghiacciaia – icebox – foto di Andrea Arrigoni

La ghiacciaia e la sedia della Chrysnbon opportunamente dipinte sembrano di legno.

The icebox and chair of the Chrysnbon look like wood if properly painted.

dispensa, pianterreno – pantry, first floor – foto di Andrea Arrigoni

apertura sul lato sinistro – opening on the left side – foto di Andrea Arrigoni

Il lato sinistro della casa è apribile e mostra i locali che sono posizionati sul fondo della casa. A pianterreno c’è la cucina ed è collegata alla dispensa, che invece è visibile sul davanti della casa.

The left side of the house can be opened and shows the rooms that are located on the bottom of the house. On the first floor there is the kitchen and it is connected to the pantry, which is visible on the front of the house.

salotto, primo piano – sitting room, second floor

Al primo piano il locale più importante è il delizioso salotto con camino.

On the second floor the most important place is the lovely living room with fireplace.

salotto, primo piano – sitting room, second floor

salotto, primo piano – sitting room, second floor – foto di Andrea Arrigoni

camino del salotto, primo piano – fireplace in the sitting room, second floor – foto di Andrea Arrigoni

passaggio sul fondo dal salotto – passage from the sitting room,  on the bottom of the house

apertura sul lato sinistro – opening on the left side – foto di Andrea Arrigoni

Anche sul fondo della casa, al primo piano, c’è un passaggio che collega direttamente alla stanza dove c’è la libreria ed una console e da dove parte la scala che porta al secondo piano.

Also on the second floor, on the bottom of the house, there is a passage that connects directly to the room where there is a bookcase and a console and from where the staircase leads to the third floor.

console e scala, primo piano – console and staircase, second floor – foto di Andrea Arrigoni

libreria, primo piano – bookcase, second floor

scala tra il primo ed il secondo piano – staircase between second and third floor

Sebbene questo sia un ambiente di passaggio, è arredato e decorato con pezzi dall’aspetto prezioso.

Although this is a passage area, it is furnished and decorated with precious-looking pieces.

lato sinistro con salotto e bagno – left side with sitting room and bathroom foto di Andrea Arrigoni

bagno, secondo piano – bathroom, third floor

Al secondo piano, sul fondo della casa si trova l’ampia sala da bagno. Anche questo locale è visibile solo se si apre il pannello sul lato sinistro.

On the third floor, on the bottom of the house, there is the large bathroom. Also this space is only visible if you open the panel on the left side.

studiolo, secondo piano – study, third floor – foto di Andrea Arrigoni

All’ultimo piano c’è la zona più privata della casa. Qui si trova lo studiolo con secretaire e chaise longue che si apre sulla camera da letto. L’accesso a queste stanze avviene tramite un corridoio che passa sul fondo della costruzione.

On the top floor there is the most private area of the house. Here is a study with a secretaire and a chaise longue that leads directly into the bedroom. The access to these rooms is through a corridor which passes on the bottom of the building.

camera da letto, secondo piano – bedroom, third floor

camera da letto secondo piano – bedroom third floor – foto di Andrea Arrigoni

comodino camera da letto, secondo piano – night stand bedroom, third floor – foto di Andrea Arrigoni

camino camera da letto, secondo piano – fireplace bedroom, third floor – foto di Andrea Arrigoni

Dadasdollhouse: Prima di salutarti, Andrea, un’ultima domanda. Che origine ha il nome Auber, che hai dato alla tua casa?

Andrea: Sono un grande appassionato d’opera e Auber e’ un compositore francese che amo molto.

Dadasdollhouse: Before saying goodbye, Andrea one last question. What is the origin of  your house name, Auber?

Andrea: I’m a big opera fan and Auber is a French composer that I love very much.

foto di Andrea Arrigoni

Ringrazio Andrea Arrigoni per aver risposto con pazienza alle mie tante domande e per avermi gentilmente concesso l’uso di alcune delle sue immagini per arricchire questo post.

E’ la prima “intervista” che faccio e spero che questo post diverso dal solito vi sia piaciuto.  

I thank Andrea Arrigoni for having patiently answered my many questions and for kindly granting me the use of some of his images to enrich this post.

It’s the first “interview” I do and I hope you enjoyed this post that is different from usual.

Annunci

Informazioni su dadasdollhouse

Le case delle bambole mi hanno sempre affascinata. A 5 anni disegnavo planimetrie e trasformavo le librerie in palazzi, utilizzando i libri come pareti divisorie. Forse per questo più tardi mi sono iscritta ad architettura... La mia grande passione è il punto croce, ma mi diverto anche con il bricolage ed il cartonaggio. Una certa abilità l’ho acquisita con l’esperienza, ma tante astuzie le ho imparate in internet. Ma la cosa più importante è poter condividere le mie passioni con mia figlia Dada!
Questa voce è stata pubblicata in Accessori, Zubehör, Accessoires, Acquisti, Fiere, Inteview, Link, Siti Preferiti, Lieblings-Websites, Sites Préférés, Favorite Sites e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Maison Auber by Andrea Arrigoni

  1. Caterina Milella ha detto:

    bellissimo post! mi hai permesso di entrare in casa discretamente, concedendomi il lusso di notare da vicino tutti i particolari! mi spiace immensamente di non aver potuto vedere di persona questa splendida casa al MIT.. grazie Ersilia e complimenti ad Andrea!!

    Piace a 1 persona

  2. elizabeth s ha detto:

    I completely ADORE EVERYTHING ABOUT THIS HOUSE!!!
    I love the way each of the spaces on each floor, have been artfully arranged and relate so well to each other. The interior decoration and welcoming atmosphere are Superb!
    Auber house feels entirelyGRAND yet entirely LIVABLE with every inch, a Absolute Delight to see- Thank you Andrea and Ersilia for this memorable tour! 😀

    Piace a 1 persona

  3. Diario Vittoriano ha detto:

    Questa dollhouse l’abbiamo guardata insieme. Ripercorrerà con dettagli più ravvicinati è stato illuminante. È bello conoscere alcuni retroscena! Grazie Ersilia per questa iniziativa.

    Piace a 1 persona

  4. sidilbradipo1 ha detto:

    L’ho vista dal vivo! Dire che è strepitosa è poca cosa rispetto al lavoro fatto: adoro-adoro ❤
    Bacio
    Sid

    Piace a 1 persona

  5. Joc ha detto:

    Merci pour le reportage, cette maison est pleine de détails.

    Piace a 1 persona

  6. Megan ha detto:

    Thank you for taking the time to do this interview for us Ersilia, and for all the many detailed photos. I feel truly inspired. Andrea has done a maginificent job. I will be looking out for more of his work in times to come.

    Piace a 1 persona

  7. marina seltmann ha detto:

    Whoa… it’s fantastic! I caught myself nodding in agreement to many of his comments and choices. Meh, I wish I had read Lea’s book before I started. But then, there’s always a next house… and a next… and a next one.
    Thank you for the interview, the lovely pictures and “Chapeau!” to Andrea for such wonderful work.

    Piace a 1 persona

  8. Anna Scott ha detto:

    Thank you, thank you, thank you for sharing such a wonderful and absolutely beautiful house!!! I don’t know where to start, I love it all – right down the fabulous details like the dishes draining on the kitchen sink. So many beautiful pictures to compliment a lovely interview.
    Oh so inspiring!

    Piace a 1 persona

  9. Ele ha detto:

    Bellissima casa, ora riguarderò con calma tutte le foto per godermi ben bene i dettagli. Nel frattempo vorrei dire che sono ecisamente d’accordo con Andrea Arrigoni a proposito delle casette standard in cui le stanze sono disposte in maniera poco funzionale, in cui si va in bagno passando dalla camera da letto o cose simili… Sono più espositori di stanze che non case vere e proprie.
    Nella doll’s house che avevo fino a poco tempo fa, proprio per ovviare a questo problema, avevo fatto una casa a doppia profondità, che si apriva su entrambi i lati. Purtroppo così facendo era venuta davvero grande e andava tenuta al centro della stanza…

    Piace a 1 persona

Un Tuo commento ci fa piacere!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.